Le lacrime di Eros

Le lacrime di Eros Negli intenti dell autore questo suo ultimo lavoro doveva essere superiore a tutti quelli da lui pubblicati una sorta di ricapitolazione dei temi sui quali si erano esercitati il suo pensiero e la s

  • Title: Le lacrime di Eros
  • Author: Georges Bataille
  • ISBN: 8833915670
  • Page: 112
  • Format:
  • Negli intenti dell autore, questo suo ultimo lavoro doveva essere superiore a tutti quelli da lui pubblicati, una sorta di ricapitolazione dei temi sui quali si erano esercitati il suo pensiero e la sua arte l a, la morte, il sacro, il lavoro, l utile, il gioco, la guerra una lettura della storia universale attraverso le rappresentazioni dell erotismo tragico Una prima parte dedicata alla nascita di Eros nella preistoria, associata alla coscienza della morte Una seconda parte tratta delle rappresentazioni dell erotismo dall antichit ai nostri giorni I due capitoli conclusivi sul sacrificio vaudou e sul supplizio cinese dei cento pezzi dimostrano la tesi dell identit dei contrari che regge l intera esposizione.

    • Best Read [Georges Bataille] ¸ Le lacrime di Eros || [Paranormal Book] PDF Æ
      112 Georges Bataille
    • thumbnail Title: Best Read [Georges Bataille] ¸ Le lacrime di Eros || [Paranormal Book] PDF Æ
      Posted by:Georges Bataille
      Published :2019-08-25T01:58:58+00:00

    About "Georges Bataille"

    1. Georges Bataille

      Georges Bataille Is a well-known author, some of his books are a fascination for readers like in the Le lacrime di Eros book, this is one of the most wanted Georges Bataille author readers around the world.

    583 thoughts on “Le lacrime di Eros”

    1. Tutto perfetto. il libro, poi, è straordinario. L'unica nota stonata è il commento che mi si chiede perché non contempla la capacità di sintesi: ancora 14 parole, ancora 6 parolerivendo che è perfetto , come commento sarebbe bastato.


    2. Ottimo come sempre, libro in condizioni perfette! è sicurezza e perfezione.Bataille illumina con una storia dell'erotismo che nulla ha da invidiare a Foucault, Derrida e i suoi epigoni. Anzi, forse potrebbe insegnare qualcosa.


    Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *